arte, cronaca, gossip, spettacolo, ,

Carmelo Bene, lite tra l’ultima moglie Raffaella Baracchi e la convivente

Carmelo Bene amava specchiarsi in quel ritratto al carboncino disegnatogli da Tirinnanzi, «era appeso nell’ingresso prima di entrare nella sala di casa nostra in via Aventina», dice Raffaella Baracchi, madre di Salomè, l’unica figlia dell’attore-regista scomparso nel 2002. Il disegno è una delle tredici opere che la vedova Bene vuole riavere da Luisa Viglietti, l’ultima convivente di Carmelo e tuttora residente in uno dei tre appartamenti di cui ha avuto «il diritto di abitazione».

E’ finita in tribunale la guerra sull’eredità, con la Viglietti citata a giudizio dal pm Fabio Santoni per furto aggravato e continuato.

Ieri s’ è iniziato il processo. In ballo c’è un tesoretto di alcuni milioni di euro. Raffaella Baracchi, torinese, Miss Italia nel 1983 e attrice, è un vulcano di ricordi: «Eravamo, a Firenze, innamoratissimi, quando mi regalò “Le mille e una notte” di Salvador Dalì. Mi chiamava Shahrazàd». Fu una notte da 300 milioni di lire, delle lire di allora, fine anni ottanta (la relazione durò dal 1988 al ‘92).

Dunque: un disegno di Tirinnanzi, una crosta di Dalì, tre De Chirico (Il sole in una stanza, Cavalli, Pesche “Ah, quanto gli piacevano”), una scultura di Arturo Martini, c’è anche un dipinto di Vasiliy Kandinskij tra le 13 opere scomparse da casa Bene.

«Ed è quello di cui ho memoria certa, perchè gli oggetti d’arte erano davvero tanti», aggiunge la Baracchi, che, per conto della figlia, con l’avvocato Luca Ciaglia si è costituita parte civile.

Raffaella Baracchi oggi

«Lo faccio per Salomè. Ciò che aveva il padre è suo», ripete l’ex miss Italia. Salomè ha 15 anni, ha frequentato elementari e medie a Torino, coi nonni materni, ora vive a Roma con la madre e fa il liceo.

E la Viglietti? Davanti al pm si era avvalsa della facoltà di non rispondere: «Di quelle opere non sa nulla, la mia assistita – annuncia il legale, Fabio Viglione -, che può dire? E’ del tutto estranea ai fatti contestatigli. Siamo sereni». Il 20 novembre saranno ascoltati i testimoni.

Please follow and like us:

Author Since: Aug 04, 2018

Related Post