Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Recensione di Osvaldo Contenti

Un potente affresco in 3D, mai così realistico prima di questo film, ci ridona la visione degli ultimi, drammatici momenti di Pompei, che il 24 agosto del 79 d.C. venne rasa al suolo da un’apocalittica eruzione del Vesuvio.

Ma prima che questo catastrofico epilogo si compia in tutta la sua spettacolare drammaticità, il regista inglese Paul W. S. Anderson (noto per aver firmato, tra gli altri, “Mortal Kombat”, “AVP: Alien vs Predator” e la nutrita serie targata “Resident Evil”), ha la capacità di renderci partecipi della vita collettiva di quella splendida periferia dell’Impero Romano chiamata Pompei.

A partire dai commerci legati al reclutamento degli schiavi, che allenati e fatti combattere come gladiatori in un’arena simile al Colosseo, oltre al profitto economico che se ne ricavava, inconsapevolmente svolgevano anche il compito “politico” di divertire le masse con il sanguinario spettacolo dei loro combattimenti, a tutto vantaggio di un forte e crescente consenso per il potere centrale di Roma.

Un potere che però sottovalutava la resistenza alla sottomissione di alcuni schiavi. Tra i quali Milo (l’attore inglese Kit Harington, bravo e convincente come per il Jon Snow dell’acclamata serie HBO de “Il Trono di Spade”), il quale, proveniente da una tribù britannica sterminata dai Romani, saprà farsi notare dall’affascinante Cassia (Emily Browning), figlia di un ricco mercante romano, che amerà, riamato, sino agli sviluppi di un finale avventuroso e altamente drammatico.

Un epilogo in cui Milo lotterà con tutte le sue forze, spalleggiato dal valoroso gladiatore Attico (interpretato dall’ottimo Adewale Akinnuoye-Agbaje), per riconquistare la propria libertà. E riuscendovi non si dimenticherà di Cassia. Anzi, correrà a liberarla e salvarla in una Pompei già pesantemente investita dall’eruzione vulcanica, intraprendendo una fuga dal sapore epico, con egli stesso e la sua amata inseguiti da delle potentissime emissioni piroplastiche e dai suoi vapori incendiari, per un esito che tradurrà l’amore tra i due giovani in un abbraccio muto ed eterno. Proprio come i calchi di alcuni cittadini pompeiani tuttora visibili nell’Antiquarium di Pompei, testimonianza visibile e toccante di una delle più immani catastrofi dell’antichità.

Curiosità

Tra l’ottimo cast di attori di “POMPEI”, va sottolineata la strepitosa interpretazione di Kiefer Sutherland nei panni del dispotico e brutale senatore Corvo. Sutherland, notissimo per aver interpretato il personaggio di Jack Bauer nella serie televisiva “24”, si riproporrà proprio in questo ruolo nella nuova miniserie tv “24 Live Another Day”, su Fox Television, dal prossimo 28 aprile 2014.

Tag(s) : #argomenti, #cinema