Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

NIENTE È COME SEMBRA

NIENTE È COME SEMBRA

Di Rosario Galli

Con Sara Sartini, Valentina De Giovanni

Regia di Gabriele Galli

Musiche: Enrico Razzicchia

Scena: Katia Titolo

Luci e fonica: Massimiliano Boco

Aiuto regia: Vanina Marini

Assistente alla regia: Michela Calloni

Movimenti coreografici: Paola Maffioletti

Grafica: Francesca Colonia

Foto: Pino Le Pera

Gli abiti di scena sono di Marco Castiglioni

Teatro Ambra alla Garbatella

Piazza Giovanni da Triora, 15 - 00154 Roma

SPETTACOLI: dal giovedì al sabato ore 21:00 - domenica ore 17:00

Prezzi biglietti: Intero – € 20,00 (diritto di prevendita escluso) Ridotto – € 15,00 (diritto di prevendita escluso) per Under 21 e Over 65, Partner convenzionati e tutti i giovedì per i Residenti Municipio VIII (ex XI) Ridotto CRAL/GRUPPI da almeno 10 persone con accompagnatore omaggio – € 15,00 Ridotto studenti – € 5,00

Da un incontro casuale di due ragazze, Luna e Maya, scaturisce una storia che interseca un passato da dimenticare ad un futuro da scoprire vivendo un nuovo momento della vita, e dunque una speranza, guidato da una diversa capacità di amare. Dalla penna di Rosario Galli – autore che da sempre sviluppa la propria drammaturgia al servizio dei rapporti di coppia e delle specifiche psicologie di appartenenza ( tra i suoi lavori di maggior successo “Uomini sull'orlo di una crisi di nervi”, “Tutte le donne lo vogliono”, “La sottoveste rossa”), approda al Teatro Ambra alla Garbatella di Roma un testo che farà discutere: “Niente è come sembra”, in scena dal 10 al 20 dicembre. Per la regia di Gabriele Galli e l’interpretazione di Sara Sartini e Valentina De Giovanni, lo spettacolo è il racconto di una porzione di vita di due donne, diametralmente opposte e con storie faticose alle spalle, che si usano l’un l’altra per provare a esorcizzare le reciproche esperienze negative avute dalla vita: “Siamo vivi per usarci” cantavano gli Afterhours – afferma il giovane regista - e Luna e Maya riescono a rimanere vive proprio perché si usano e, nel succhiare forza l’una dall’altra, sembra chiaro come si completino a vicenda. Gabriele Galli, che recentemente proprio all’Ambra ha mietuto consensi con il monologo “Spregevole” interpretato da Edoardo Pesce, focalizza la sua direzione sugli aspetti sentimentali equivoci presenti nel testo e che saranno indubbiamente fonte di riflessione in questa prima nazionale: “Questa è anche e soprattutto la storia di due donne che provano ad amarsi senza doversi etichettare come lesbiche ovvero, si chiede Maya, ci si può innamorare di una persona senza dare per assunta la propria omosessualità?”

Tematiche ed interpretazioni sorrette da un delicato fil rouge che fa molto discutere nelle notizie di attualità che viviamo quotidianamente ma che, in “Niente come sembra”, descrivono anche la storia di una liberazione, almeno apparente, dalla gabbia che ognuno di noi si crea. L’importante è non riaprire mai le porte del passato ed essere forti, incomparabilmente più forti degli uomini, a continuare ad amare, nonostante il dolore…

NIENTE È COME SEMBRA

SINOSSI

Luna è bionda, bella, magra, troppo magra; mangia male fuma due pacchetti di sigarette al giorno ed è convinta che gli uomini vadano usati per fare ginnastica.

Maya è morbida, dolce, tenera, insicura e sta cercando una donna con cui condividere un appartamento, perché in questa fase della sua vita non può reggere il confronto con un uomo e soprattutto non può sopportare le angherie e le violenze del suo fidanzato.

Una sera Luna apre la porta di casa e Maya chiede rifugio per qualche ora; Luna, controvoglia, glielo concede; le ore diventeranno giorni, settimane, mesi; in cui le due ragazze impareranno a conoscersi, ad amarsi e a superare i propri drammi e i propri fantasmi.

Almeno così sembra.

Gabriele Galli

Gabriele Galli, attore, autore e regista, debutta sulla scena all’età di 4 anni come piccolo “Godot” nell’opera di Samuel Beckett.

Nella prima parte della sua carriera alterna l’attività di attore con quella di assistente alla regia in numerose compagnie teatrali tra cui quella di Flavio Bucci (Il mercante di Venezia, Riccardo III, Enrico IV), Renato Greco (Romeo e Giulietta dance opera), Giancarlo Sammartano (Pseudolus di Plauto).

L'esordio alla regia cinematografica con il cortometraggio Un regalo senza parole viene premiato con la menzione speciale della giuria presieduta da Gillo Pontecorvo, nell'ambito del Concorso per il miglior cortometraggio sulla Pubblica Amministrazione Italiana.

Dopo la partecipazione ad alcune fiction televisive (Distretto di Polizia, Ris) nel 2010 è co-protagonista del film Una canzone per te di Simone H. Paragnani, prodotto da Cattleya.

Nel 2011 il suo documentario La Vita degli Altri è nominato miglior documentario al Festival Cinema “NINO MANFREDI”.

Arriva nel 2012 l’esordio come autore teatrale, con La Banda della Maglina, ai quali seguono Fannulloni e Il Padrone di casa, in scena nella stagione in corso per la regia di Claudio Boccaccini; sempre a teatro dirige poi Edoardo Pesce nel monologo Spregevole.

Attualmente in produzione la sua serie Super Italian Family, di cui è autore e regista.

Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni - info@elisabettacastiglioni.it

NIENTE È COME SEMBRA - Clicca per ingrandireNIENTE È COME SEMBRA - Clicca per ingrandire
NIENTE È COME SEMBRA - Clicca per ingrandireNIENTE È COME SEMBRA - Clicca per ingrandire

NIENTE È COME SEMBRA - Clicca per ingrandire

Tag(s) : #argomenti, #spettacolo, #teatro, #arte