Lisa Brennan-Jobs, la prima “creazione” di Steve Jobs

0
20
fb-share-icon20

Lisa Nicole Brennan-Jobs (Portland, 17 maggio 1978) è una scrittrice statunitense.

Nata Lisa Nicole Brennan, è figlia del cofondatore di Apple Steve Jobs e di Chrisann Brennan. Per diversi anni Jobs ha negato la paternità, portando ad una causa legale e a varie speculazioni di stampa sin dai primi giorni di Apple; i due alla fine si sono riconciliati. Brennan-Jobs in seguito ha lavorato come giornalista e scrittrice di riviste.

Uno dei primi computer Apple, il Lisa, prende il nome da Brennan-Jobs, ed è stata anche descritta in una serie di biografie e film, inclusi film biografici come I pirati di Silicon Valley, Jobs, e Steve Jobs. Una versione romanzata di lei si trova in un personaggio principale del romanzo di sua zia Mona Simpson, Un ragazzo normale.

La nascita e l’Apple Lisa

Lisa Nicole Brennan è nata il 17 maggio 1978, nella All One Farm di Robert Friedland, villaggio al di fuori di Portland, Oregon. La madre, Chrisann Brennan, e suo padre, Steve Jobs, si incontrarono per la prima volta alla Homestead High School di Cupertino, in California nel 1972 ed ebbero relazioni nei successivi cinque anni.

Nel 1977, dopo che Jobs cofondò Apple Inc., si trasferiscono in una casa con il loro amico Daniel Kottke vicino alla sede della società di Cupertino, in cui tutti lavoravano. Fu durante questo periodo che Brennan rimase incinta di Lisa. Jobs, tuttavia, non ammise la responsabilità della gravidanza, che portò Brennan a porre fine alla relazione, lasciare la loro casa, e a mantenersi facendo pulizie in casa.

Nel 1978, Brennan si trasferì nel villaggio All One Farm per il parto. Jobs non era presente per la nascita della bambina e si presentò solo tre giorni più tardi, dopo che Robert Friedland, proprietario della fattoria e un amico di Jobs del Reed College, lo convinsero. Brennan e Jobs chiamarono la bambina Lisa. Jobs nominò il progetto del computer a cui stava lavorando, l’Apple Lisa, dopo la sua nascita. Poco dopo, Jobs negò pubblicamente di essere il padre della bambina. Ha sostenuto che l’Apple Lisa non è stato chiamato per lei, ma con il suo team la chiamarono con la frase “Local Integrated Systems Architecture” come spiegazione alternativa per il nome del progetto. Decenni più tardi, Jobs ha ammesso che “ovviamente, è stato chiamato così per mia figlia.”

Il caso della paternità e la riconciliazione

Jobs, però, ha pubblicamente negato la paternità dopo la sua nascita che lo ha portato ad una causa legale. Anche dopo che un test di paternità grazie al DNA lo ha riconosciuto come suo padre, ha continuato a negare. La sentenza gli imponeva di mantenere Brennan con $ 385 al mese e di rimborsare lo stato per i soldi che aveva ricevuto dal welfare. Dopo che Apple è diventata pubblica e Jobs è diventato un milionario, ha aumentato il pagamento a $ 500 al mese. Michael Moritz intervistò Jobs, Brennan, e altri per il numero speciale Persona dell’anno del 1982, pubblicato il 3 gennaio 1983. Nella sua intervista, Jobs mise in discussione l’affidabilità del test di paternità, che aveva trovato che la “probabilità della paternità per Jobs, Steven … fosse 94,1%”.

Jobs ha risposto sostenendo che “il 28% della popolazione maschile degli Stati Uniti potrebbe essere il padre.” Invece del suo nome nella “Persona dell’anno”, come lui e molti altri si aspettavano, è stato invece intitolato “Machine of the Year: The Computer Moves In”. Il cambiamento è avvenuto dopo che Moritz ha sentito parlare Brennan-Jobs, così come riguardo allo stile di gestione Jobs.

Anni dopo, quando Jobs ha lasciato Apple, ha riconosciuto Lisa e ha tentato di riconciliarsi con lei. Chrisann Brennan ha scritto che “si è scusato più volte per il suo comportamento” con lei e Lisa e “ha detto che non si è mai preso la responsabilità, quando avrebbe dovuto, e che gli dispiaceva”. Dopo averla riconosciuta, nove anni dopo, Lisa ha voluto cambiare il suo cognome e Jobs ne fu felice. Jobs ha legalmente modificato il suo certificato di nascita, cambiando il suo nome da Lisa Brennan a Lisa Brennan-Jobs. Brennan appoggiò il cambiamento di Jobs per il cognome Brennan-Jobs, grazie anche alla ritrovata zia biologica, Mona Simpson, che ha lavorato per riparare la relazione tra Brennan-Jobs e suo padre.

Secondo la rivista Fortune, dopo la sua morte, Jobs ha lasciato a Lisa un’eredità multimilionaria.

Formazione e carriera

Quando Brennan-Jobs viveva con la madre, ha frequentato la scuola di Nueva. Più tardi si trasferisce con il padre e frequenta la Palo Alto High School. Si iscrisse alla Harvard University nel 1996 e ha studiato all’estero per un anno al King’s College di Londra. Mentre era studentessa a Harvard, ha scritto per The Harvard Crimson. Si è laureata nel 2000 e successivamente si è trasferita a Manhattan per lavorare come scrittrice. Ha scritto per The Southwest Review, The Massachusetts Review, The Harvard Advocate, Spiked, Vogue e O, The Oprah Magazine.

Cinema e letteratura

Brennan-Jobs è comparsa in diverse biografie di suo padre, tra cui la biografia autorizzata nel 2011 Steve Jobs di Walter Isaacson. Nel 1996 il romanzo Un ragazzo normale di Mona Simpson è un resoconto romanzato basato sulla storia di Brennan-Jobs e dei suoi genitori. È stata descritta in tre film biografici: Brooke Radding la ritrasse nel 1999 nel film I Pirati di Silicon Valley di TNT TV, mentre lei è una bambina rappresentata da Ava Acres, e come donna da Annika Bertea nel film del 2013 Jobs. Nel film del 2015 Steve Jobs, diretto da Danny Boyle, Brennan-Jobs è ritratta in età diverse da Perla Haney-Jardine, Ripley Sobo, e Makenzie Moss. Lo sceneggiatore Aaron Sorkin ha detto che ha discusso la sceneggiatura con Brennan-Jobs in anticipo e che lei è la vera “eroina del film”.

Opere

  • Small fry. A memoir, New York, Grove, 2018 (in italiano: Pesciolino, Milano, Rizzoli, 2018)
0
20
fb-share-icon20

1 thought on “Lisa Brennan-Jobs, la prima “creazione” di Steve Jobs

  1. Il regista Danny Boyle, nel suo ultimo film, traccia la figura dell’informatico, inventore e imprenditore Steve Jobs sia dal punto di vista lavorativo che, soprattutto, dal punto di vista umano. Non e sicuramente un film sulla brillante carriera di un uomo geniale quanto piuttosto una biografia vista da “dietro le quinte”. Quest’ultima espressione non e casuale in quanto il regista sembra costruire la narrazione come fosse la storia dell’allestimento di uno spettacolo teatrale che sta per essere eseguito su un palcoscenico. In scena vi e la costante presenza di un irrequieto Steve Jobs (Michael Fassbender) che cammina senza sosta per lunghi corridoi quasi sempre accompagnato dalla sua segretaria Joanna Hoffman (Kate Winslet) che lui stesso definisce “moglie da lavoro” e che si rivela essere una sua confidente e una sorta di psicoanalista. E l’unica che riesce a domare le manie di controllo di Jobs e l’unica che riesce a comprenderne l’origine: Jobs e scrutato tra le ferite nascoste dell’anima causate dall’abbandono dei genitori biologici che non e mai riuscito a superare e che gli ha causato una prostrazione profonda che riversa nella sua mania di controllo. Il film e diviso in tre atti simili tra loro ma che narrano aspetti distintissimi. Il primo e segnato dalla data storica 1984, quando la Apple lancia il Macintosh, il primo computer che ebbe il coraggio di sfidare il dominio IBM dei personal computer. Jobs e alle prese con la realizzazione della presentazione della sua nuova invenzione tecnologica quando compare nel suo camerino la sua ex fidanzata Chrisann Brennan (Katherine Waterston) con la figlia Lisa, avuta da lui cinque anni prima, non riconosciuta dal padre incapace di avere un rapporto umano con lei. Il secondo atto, segnato dalla data 1988, riguarda la sua esclusione dal consiglio di amministrazione della Apple e quindi la sua vendetta con la creazione del nuovo computer marchiato Next. Il terzo atto riguarda il periodo risalente al 1998, anno della presentazione dell’iMac.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *