AUSTRALIA, di Baz Luhrmann

Il regista Baz Luhrmann, per sua stessa ammissione, con AUSTRALIA ha voluto ricomporre un affresco di avventure, di romanticismo e l’esotica atmosfera di terre lontane, che durante la giovinezza lo incantarono per il tramite della visione di film di genere epico come Ben Hur, Via col vento e Lawrence d’Arabia. Una schietta motivazione che determina di per sè i limiti della pellicola. In quanto ogni operazione nostalgia comporta sempre l’alto rischio di scadere nella retorica e soprattutto nel già visto. Il che bandisce, a prescindere, come diceva Totò, ogni tentativo di rilettura critica di un tale periodo storico o di un’epopea. Tutto ciò diviene immediatamente palese se si esamina l’esile trama del film, col rude Mandriano portato sullo schermo da un convincente Hugh Jackman, che viene incaricato di trasferire 1500 capi di bestiame, attraversando un territorio selvaggio e inospitale, dalla nobildonna inglese Lady Sarah Ashley, ben interpretata da un’autoironica Nicole Kidman.

Ma ciò detto, AUSTRALIA è comunque un film da non perdere, in quanto, al di là della trama piuttosto obsoleta, in esso sono presenti dei punti d’eccellenza davvero degni di nota. Tra questi, la superlativa fotografia di Mandy Walker (Camera d’Or a Cannes per Love Serenade), nonché i costumi e le scenografie di Catherine Martin (Academy Award per Moulin Rouge!) prevalgono su tutto, donandoci uno spettacolo visivo di rara accuratezza e bellezza. Infine, c’è da registrare anche il felicissimo esordio cinematografico del tredicenne Brandon Walters, chiamato a interpretare il difficile ruolo di Nullah, un bambino tra l’aborigeno e il caucasico, che in diversi tratti del film marca e sostanzia il sentimento antirazzista di Lady Ashley e del Mandriano.

Praticamente l’unica nota di modernità in una pellicola che inneggia al cinema dei bei tempi andati.

Curiosità Made in Italy!

Per il personaggio di Lady Ashley lo stilista Ferragamo ne ha disegnato le calzature, l’orafo Stefano Canturi ne ha creato i gioielli e la casa di moda Prada ha fornito il set di valigie bianche e blu della nobildonna inglese.

Filmografia di Baz Luhrmann

Australia (2008), Alexander the Great (2005), Moulin Rouge! (2001), Romeo + Giulietta (1996), Ballroom (1992).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *