MADDALENA – IL GRIDO DI DOLORE PER LA MORTE DI DIO

L’itinerario della donna che amò il figlio di Dio.

Ispirata al romanzo El Dio Dormido di Fanny Rubio, la pièce Maddalena – Il grido di dolore per la morte Dio, diretta da Filippo d’Alessio, inanella con grande grazia e forza drammatica il monologo della Maddalena, interpretata da un’intensissima Maddalena Rizzi, a degli eccezionali e pertinenti inserti di ballo della danzatrice Simona Menturli (che rappresenta la Maddalena da giovane), per uno spettacolo che incanta gli occhi e l’ascolto dal primo all’ultimo minuto della rappresentazione. Dove il cammino intrapreso dalla Maddalena, teso a ritrovare il corpo e l’essenza del suo amato, va inteso come un viaggio interiore. Un tragitto in cui ritrovarsi e poi subito perdersi, tra le mille contraddizioni di un percorso carnale e spirituale al tempo stesso, in una disperata ricerca di risposte alle quali la donna sa benissimo di non poter mai rispondere compiutamente. Anche se la spinta a ritrovare colui che amò sarà più forte di ogni incertezza. Reclamando e gridando la propria femminilità come unica costante da porgere ai piedi della Croce. Forse poca cosa per un Dio, ma non certo per l’uomo che eppure fu in lui.

Un percorso irto della stessa corona di spine, delle stesse frustate che Maddalena proverà empaticamente su di sè. Come per alleggerire, amorevolmente, col tramite del suo corpo-schermo, gli oltraggi ricevuti da quello del suo amato. In una chiave certo apocrifa rispetto a quella dei quattro Vangeli. Ma che ogni spettatore, ne sono certo, giudicherà plausibile. Perché aderente alla natura umana e a quel grido muto che squarcerà col suo lacerante silenzio ogni incertezza riguardo all’amore della Maddalena nei confronti di quell’uomo che fu suo. Il tutto in una visione piuttosto scioccante rispetto ai parametri comuni, che certo potrà far discutere per la sua valenza fortemente trasgressiva. Ma che comunque lascerà il segno di una profonda riflessione verso la quale ognuno di noi è inevitabilmente attratto.

Appuntamenti a Teatro

Maddalena – Il grido di dolore per la morte Dio, per la regia di Filippo d’Alessio, con Maddalena Rizzi e Simona Menturli, sarà rappresentato in due teatri di Roma: al Teatro Argot (Via Natale del Grande 27) dal 12 al 15 marzo. Info 06.5898111 al Teatro Tor Bella Monaca (Via Bruno Cirino) dal 17 al 18 marzo. Info 06.2010579

Curiosità

Il foyer del Teatro Argot ospita diversi dipinti dell’artista Anna Salvati ispirati proprio alla Maddalena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *