TRANSFORMERS – LA VENDETTA DEL CADUTO

Un tripudio di effetti speciali!

Industrial Light & Magic, l’azienda californiana superspecializzata nel realizzare dei raffinatissimi effetti speciali, facente parte del glorioso gruppo LucasFilm, ha fatto le cose in grande per Transformers – La vendetta del Caduto, seguito del Transformers del 2007, diretto come in questo secondo capitolo dall’ormai lanciatissimo Michael Bay.

Il perché è presto detto, in quanto è condensabile in cifre da capogiro: 147 minuti di durata totale del sequel, 12 in più del capostipite, di cui 51 dedicati ai sontuosi effetti speciali, con 46 robot in azione, a fronte dei “soli” 14 del film precedente, per 145 terabytes di memoria utilizzati nelle workstation, che tra le altre scene hanno incamerato anche quella più spettacolare: la simulazione della Grande piramide di Cheope, con sua relativa distruzione ad opera di Autobots e Decepticons, ancora in lotta per il controllo dell’Universo. Cifre da brivido, come dicevo, che unite ad una doppia, convincente interpretazione da parte dei protagonisti principali, il vivace Shia LaBeouf (Sam Witwicky) e la bellissima Megan Fox (Mikaela Banes), fanno prevedere che per questo sequel potranno essere superati i 700 milioni di dollari incassati con il primo Transformers.

Detto questo, però, per contrappasso, con Transformers 2 il rischio che si corre è quello di trovarsi invischiati in una sorte di “overdose” da effetti speciali, che alla lunga sfilacciano anche i contenuti del plot, relegandoli ad un secondo piano che certo non innalza la fase di coinvolgimento del film, allentando il feeling emozionale invece che esaltarlo come dovrebbe.

Curiosità:

Se tutte le texture digitali realizzate per il film fossero stampate su fogli da un metro quadro, la loro ampiezza coprirebbe l’estensione di tredici campi da football americano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.