TYING TIFFANY, artista eclettica

GIOVEDI’ 10 FEBBRAIO Glamnight Live! presenta “EN-US” TYING TIFFANY – Flavia Lazzarini – visuals – Paconazim – porte/botteghino 20:30 – concerti 22:00 – ingresso 8 euro + 1,50 euro d.p. / 6 euro in lista

@ CIRCOLO DEGLI ARTISTI Via Casilina Vecchia 42 – Roma 06 70305684 info@circoloartisti.it

TYING TIFFANY

Artista eclettica: nei live si esprime al 100% ma non disdegna di salire in consolle per colorati dj set dove suona tutto cio’ che l’ha influenzata come musicista, riuscendo a far ballare e canticchiare anche il piu’ distratto degli avventori. Tecnicamente da’ dei punti a molti colleghi maschi. A maggio 2010 è uscito l’album che tutti i fan di Tying Tiffany hanno sempre desiderato e atteso con trepidazione. Peoples Temple, terzo lavoro della nostra elegante dark lady, è pronto per deflagare in tutta la sua seducente potenza anthemica. Perchè, attenzione, stiamo parlando di canzoni con melodie killer che non vi abbandoneranno troppo in fretta. Peoples Temple, vede la partecipazione del musicista svedese Fè (One Breath) e di Costanza Francavilla (Cecille) ed è stato prodotto da Lorenzo Montanà che ha recentemente pubblicato “Black Ivy” album di elettronica su Fax, l’etichetta di Pete Namlook.

SPIRAL69

Spesso nella vita si fanno scelte difficili, azzardate, pericolose e instabili. Nel 1992, di ritorno da un concerto dei Cure, Riccardo Sabetti scoprì che non avrebbe avuto un futuro ordinario, fatto di lauree, specializzazioni e un lavoro sicuro dietro una scrivania. Diversi anni dopo, nel 2001, viene pubblicato il primo album dei suoi Pixel (“Fiori 0.2 Overlook Italia/Audioglobe), progetto industrial in italiano, che vede Riccardo come autore,voce e chitarra della band. Pochi anni dopo inizia la sua collaborazione con la storica band dark-wave Argine, che lo vede impegnato in centinaia di concerti in tutta Europa. Nel 2007 lascia gli Argine per lavorare finalmente al suo nuovo progetto solista, che, grazie a un film hard, prenderà il nome di Spiral 69. Spiral69 pubblica il suo primo album “A Filthy Lesson for Lovers”, con la Megasound. Questo primo lavoro in studio è totalmente scritto, prodotto, arrangiato e suonato da Riccardo. Sono ben identificabili. Le influenze di band come Cure, Joy Division e Nine inch Nails..ma anche Jhonny Cash, Placebo e Beatles! Al disco segue un tour che consta di più di 70 concerti in quindici mesi. L’album viene recensito da riviste e webzine tanto italiane quanto estere, che lo consacrano come il nuovo fenomeno della vena new-wave cantautoriale.

www.tyingtiffany.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.