Fiorella Mannoia e Danilo Rea… Luce

recensione di Giulia Gennari

(foto gentilmente fornite dall’ufficio stampa)

Giovedì 23 novembre, “Palcoscenico” era presente alla tappa anconetana, presso il Teatro delle Muse, del tour “Luce”, che vede protagonisti Fiorella Mannoia e Danilo Rea.

Il concerto, un vero e proprio viaggio musicale tra la canzoni più belle del repertorio italiano, e non solo, è realizzato con pochi ma essenziali elementi che lo rendono semplicemente magico; il palco, infatti, è ricco di candele che “riscaldano” ancor di più l’atmosfera creata dall’incantevole voce di Fiorella accompagnata dallo straordinario pianoforte del Maestro Rea.

Lo spettacolo lo apre proprio Rea che strabilia gli spettatori con un virtuosistico medley di piano solo concluso con una nuova magistrale versione di “Bocca di Rosa”. Subito dopo entra in scena l’eleganza e la solennità di Fiorella ad omaggiare

i successi di Franco Battiato, Lucio Battisti, Riccardo Cocciante, Lucio Dalla e Ivano Fossati, sottolineando l’indissolubile amicizia che da sempre la lega al cantautore genovese. Non mancano in scaletta alcuni gioielli del repertorio della Mannoia ovvero il brano-manifesto “Quello che le donne non dicono”, “Come si cambia”, “Sally” e “Oh che sarà”.

Un concerto di gran classe (che diventerà, a breve, anche un album), ricco di emozioni e di messaggi sociali, mai come in questo periodo di drammatica attualità. “Insegnate ai vostri figli che quando una donna dice no è no” è il toccante invito che Fiorella condivide a gran voce con il suo pubblico che ha riempito il Teatro delle Muse di Ancona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *