Gigi Sabani, il Re degli imitatori

0
20
fb-share-icon20

Gigi Sabani, all’anagrafe Luigi Sabani (Roma, 5 ottobre 1952 – Roma, 4 settembre 2007), è stato un conduttore televisivo e imitatore italiano.

Biografia

Figlio di un cameriere e di una casalinga (Liliana Bruni di Ortona), già all’età di 5 anni dimostra le sue qualità di imitatore, riproducendo il rumore della circolare rossa Prenestina, un tram che all’epoca faceva il giro della capitale. Successivamente inizia a imitare compagni e professori di scuola.

Gli esordi

Proprio per queste qualità, nel 1973 la sorella Isabella lo iscrive a sua insaputa a La corrida, trasmissione radiofonica di Corrado, dove Sabani si esibisce nelle imitazioni di Gianni Morandi, Mino Reitano e Claudio Baglioni. Successivamente inizia la sua carriera in televisione alla fine degli anni settanta, sempre come imitatore.

I successi televisivi

Nel 1980 partecipa a Domenica in, varietà condotto all’epoca da Pippo Baudo, mentre tra il 1981 ed il 1982 partecipa a due edizioni di Fantastico (seconda e terza edizione) e conduce Premiatissima. Proprio in quest’ultimo programma esibisce anche le sue qualità canore, interpretando A me mi torna in mente una canzone che verrà incisa nel 1983. Dal 21 dicembre dello stesso anno presenta la prima edizione di uno storico quiz delle reti Mediaset, OK, il prezzo è giusto!, in prima serata su Italia 1, programma con il quale si aggiudica due telegatti, (rimanendovi fino al 17 dicembre 1986) e dal 6 ottobre 1985 al 29 giugno 1986 è nel cast di Buona Domenica.

Nella stagione 1986/1987 torna a lavorare in Rai dove gli viene affidata la conduzione, insieme a Valerio Merola e Ramona Dell’Abate, di Chi tiriamo in ballo?, programma della domenica pomeriggio di Rai 2 che proseguirà anche in quella successiva. Nel 1989 torna nel campo della musica partecipando al Festival di Sanremo con la canzone La fine del mondo, scritta per lui da Toto Cutugno. Arriverà penultimo ma diverte il pubblico cantando l’ultima sera imitando una ventina di personaggi. L’anno successivo conduce Stasera mi butto, programma estivo della seconda rete Rai. Dopo una brevissima assenza dagli schermi torna alla conduzione nel gennaio del 1991, venendo scelto per sostituire il cast di Domenica in che aveva ottenuto ascolti molto bassi nei primi mesi della stagione.

Dal 4 novembre 1991 al 10 aprile 1992 conduce il programma del mezzogiorno Piacere Raiuno insieme con Toto Cutugno e le giornaliste Danila Bonito ed Elisabetta Gardini: in questa trasmissione compaiono le Gige di Gigi e le Tate di Toto. L’estate del 1992 lo vede nuovamente protagonista con la conduzione di Un biglietto per… la canzone del secolo, concorso canoro legato alla lotteria Italia. Successivamente conduce altri programmi, come Ci siamo!?! su Rai Uno, e Il grande gioco dell’oca su Rai 2. Nel 1994 partecipa come ospite in tre brani nell’ultimo disco di inediti del gruppo degli Squallor, dal titolo Cambiamento. Tornato nello stesso anno in Fininvest, condurrà Re per una notte su Italia 1, antesignano dei Momenti di gloria di Mike Bongiorno.

Il 1997 è per lui un anno particolarmente impegnativo, poiché è alla conduzione di Ballo, amore e… fantasia con Iva Zanicchi e debutta nel cinema con il film Gli inaffidabili di Jerry Calà, che però ha scarso successo nonostante il cast di personaggi famosi: questa rimane la sua unica esperienza come attore cinematografico. Nelle estati 1999 e 2000 conduce su Rai 1 Sette per uno e, sempre nel 1999, presenta sull’emittente regionale siciliana Telecolor il programma La grande sfida, insieme a Francesca Rettondini.

Nel 2000 e nel 2001 conduce La sai l’ultima? insieme a Natalia Estrada su Canale 5, dove sempre nell’estate del 2001 è al timone di un nuovo programma, Facce da quiz, insieme a Ellen Hidding e Alessia Mancini, mentre dal 23 settembre 2002 al 30 maggio 2003 è nel cast di I fatti vostri su Rai 2. In seguito è ospite fisso di Maurizio Costanzo a Buona Domenica per due stagioni, per poi essere invitato a partecipare a singole puntate di altri programmi televisivi Rai e Mediaset.

0
20
fb-share-icon20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *